Il connubio vincente corre sull’asse Monza - Verano Brianza

Traumatologia dello sport: prevenzione, diagnosi e cura

dott battistellaAl policlinico di Monza la gestione della Traumatologia dello sport è divenuta completa ed operativa come attività clinica di eccellenza. Supportati da apparecchiature diagnostiche, chirurgiche e riabilitative di ultima generazione, il team di Traumatologia dello Sport del Policlinico di Monza guidato dal dott. Ferdinando Battistella, è in grado di gestire l’atleta professionista e non a 360 gradi: accertamento, diagnosi, intervento chirurgico, riabilitazione fino alla reintroduzione alla parte atletica sul campo in tempi brevissimi.

Il percorso per la cura dello sportivo è un percorso che le normali procedure e strutture sanitarie non sono in grado normalmente di supportare. Infatti parte dalla prevenzione con visite specialistiche multidisciplinari coordinate e passa per gli esami diagnostici avanzati, quali risonanze in carico, elastosonografia muscoloscheletrica, ed eventualmente approda a procedure interventistiche innovative quali la Bio-Ortopedia, la chirurgia endoscopica mini-invasiva, ed infine alla riabilitazione accelerata personalizzata e misurazione dei risultati.

Il tutto per ottenere una vera guarigione biologica e nel minor tempo possibile con tempi e risultati garantiti.
Fino ad ora tutto questo era riservato solo all’elite degli sportivi professionisti, come ad esempio.

Il 20 ottobre scorso il portiere della Sampdoria Emiliano Viviano è stato operato al Policlinico di Monza per una lesione al ginocchio. Ad operarlo il Dott. Ferdinando Battistella, specialista in ortopedia e traumatologia, nonché Direttore Medico e Scientifico del Policlinico dello Sport di Verano Brianza dove l’atleta ha eseguito tutta la parte riabilitativa.
“Ad appena sei giorni dall’intervento – spiega il Dott. Ferdinando Battistella – Viviano ha iniziato a correre. Dopo nove giorni si è riaggregato alla squadra. Nessun miracolo, il merito va a strutture e tecnologie ad elevato standard qualitativo tali da permettere agli atleti professionisti (calciatori, sciatori, ciclisti, velisti… etc), di ridurre drasticamente i tempi di recupero post operatori”.
“Al Policlinico di Monza si espleta la fase chirurgica – continua il Dott. Battistella - poi il paziente viene trasferito all’Istituto Clinico Universitario di Verano Brianza, dove ha sede il Policlinico dello Sport, per la fisioterapia intensiva, eventualmente residenziale, che prevede sino a 5 ore al giorno di trattamenti specifici (isocinetica, crioterapia, pedane di forza etc.) finalizzati al recupero, nel più breve tempo possibile, della condizione clinica precedente al trauma”.

L’obiettivo principale del Dott. Battistella è stato quello di applicare gli stessi iter clinici e terapeutici che spesso vengono riservati solo ai professionisti dello sport, anche a tutti gli altri pazienti, arrivando così a creare il nuovo servizio di Traumatologia dello Sport del Policlinico di Monza. “Le richieste funzionali degli sportivi – spiega il Dott. Battistella – sono molto specifiche e sono legate al risultato ed a tempi di recupero precisi e determinati. Gli anni trascorsi sui campi da calcio e non solo, sempre a contatto con diverse patologie di traumi sportivi, mi hanno insegnato ad innalzare il livello di guardia in tutti i momenti dell’intero iter clinico del paziente, sia che si tratti di un professionista dello sport o di una persona comune. Per questo nella catena pre-operatoria, peri-operatoria e post-operatoria viene posta particolare attenzione al percorso clinico, diagnostico, terapeutico di tutti i pazienti, applicando quei modelli di trattamento sviluppati in prima battuta per la cura dei professionisti.

Questo ha permesso per esempio di introdurre nuove tecniche chirurgiche ricostruttive e rigenerative per la chirurgia del ginocchio, e della spalla, nuove tecniche mini invasive artroscopiche per il gomito, polso, e caviglia, ottenendo ottimi risultati nel più rapido tempo possibile per tutti i pazienti, perché non solo gli sportivi, ma chiunque ha diritto a questo tipo di trattamenti specifici che gli possano permettere di rientrare presto al lavoro e tornare a svolgere le normali attività quotidiane in tempi brevi. Da più di quindici anni il Dott. Ferdinando Battistella vive a stretto contatto con il mondo dello sport sviluppando non solo nuove tecniche chirurgiche ma anche nuovi materiali e tecnologie, ad oggi, riveste i ruoli di Consulente ortopedico per il Palermo e il Lugano Calcio.

Il Dott. Battistella è anche specializzato nella chirurgia dell’arto superiore, spalla-gomito polso, non soltanto in artroscopia, ma anche a cielo aperto. Negli anni ha introdotto nuove tecniche operatorie per il trattamento di patologie complesse che, supportate da tecnologie avanzate, permettono un più rapido recupero funzionale del paziente.

News dal Gruppo

Disegno, materiali e tecnica chirurgica si svilupperanno a tal punto da offrirci una protesi d'anca anti-usura? «Una protesi potrà definirsi perfetta...

Autori: F.Biggi, M.Chiumenti, A.Ghezzi, A.Isimbaldi, Dipartimento di Ortopedia e Traumatologia Policlinico di Monza
      ...

Innovazioni tecnologiche alla Pinna Pintor

Un grande passo avanti per la Diagnostica per immagini della Clinica Pinna Pintor di Torino che recentemente ha visto...